Blog Viaggi

Tariffe telefoniche in roaming

0

Ogni volta che un cittadino dell’unione europea o peggio un cittadino Italiano tentano di capire qualcosa nei meandri dei regolamenti dei vari gestori telefonici italiani (che poi talaltro sono italiani in Italia e applicano regole diverse in Europa) c’è il rischio di uscirne pazzi!

Nel 2015 con la pubblicazione del  Regolamento UE 2015/2120 L’Unione Europea stabiliva:

un freno alle tariffe in roaming per chi utilizza il proprio telefonino in Europa. Dal giugno del 2017 niente più salassi: il telefono dall'estero dovrà costare come a casa. E nel frattempo, dal 30 aprile 2016, il costo dei servizi in roaming deve essere pari alla tariffa nazionale del chiamante più un sovrapprezzo: il costo totale dei servizi non potrà comunque essere superiore a 23,18 €cent/min IVA inclusa per le chiamate in uscita,  1,39 €cent/min IVA inclusa per le chiamate in entrata,  7,32 €cent/SMS IVA inclusa per gli sms in uscita e  24,40  €cent/MB IVA inclusa per la connessione dati.

Ben pensati 2 dei maggiori gestori telefonici Italiani applicavano le seguenti tariffe:

WIND

una opzione flat che al costo di 2 euro al giorno consente:
15 minuti per chiamare
- 15 minuti per ricevere
 
- 15 SMS da inviare 
- 50 MB di traffico Internet
da utilizzare entro le 24 e che si attiva al primo uso del telefono nel corso della giornata.
 

TIM

Opzione chiamata “Europa Daily Basic” che costa 3 euro al giorno per 100 minuti di chiamate e 100 sms, e altri 3 euro al giorno per connessione dati. Si attiva al primo servizio fruito, e minuti/sms e connessione dati devono essere utilizzati entro mezzanotte, dopodichè scatta un nuovo addebito di 3 euro. Quindi se ci troviamo all'estero e facciamo una sola chiamata paghiamo 3 euro, così come un'unica connessione dati costerà 3 euro

Da oggi fortunatamente per noi, si comincia ad aprire uno ottimo spiraglio,

a partire dal 24 aprile 2017 WIND/TRE abbatterà totalmente i costi per chi chiama dall’estero. Si tratta della prima concretizzazione a cura di un operatore italiano circa la disposizione della Regolamentazione Europea 2015/2120.

In sostanza per i clienti WIND/TRE la tariffa flat (voce e dati) che hanno attivato sulla propria sim sarà la medesima che utilizzeranno nei paesi della comunità europea senza nessun costo aggiuntivo, mentre, per chi non avesse attiva nessuna tariffa flat (ne sono rimasti veramente pochi) verrò applicata la normale tariffa a consumo applicata in Italia.

Nota molto importante che entro e non oltre il 15 Giugno 2017, pronti per le nostre ferie all’estero TUTTI i restanti gestori telefonici dovranno allinearsi alle stesse condizioni dei pionieri WIND/TRE.

Quindi da oggi in poi non dovremmo più diventar matti a cercare una tariffa economica per l’estero o passare i primi giorni di vacanza alla ricerca di sim straniere che ci facciano risparmiare qualche soldino!!!